Glossario di editoria, termini specifici per la scrittura e la pubblicazione

 

Glossario di editoria, termini specifici per la scrittura e la pubblicazione

l presente glossario non ha alcuna pretesa esaustiva: argomenti quali l’editoria, la scrittura e la lingua richiedono ben altri spazi per comprendere la ricca terminologia.In questa pagina ci limitiamo a fornire qualche definizione, precisare alcune delle espressioni che compaiono con una certa frequenza.
Obiettivo di questa rapida carrellata è mettere in condizione gli aspiranti scrittori, chi si avvicina al mondo dell’editoria, i curiosi o chi, semplicemente, sta visitando questo sito, di capire i termini, a volte comuni altre volte più tecnici, che incontra.
Glossari completi delle singole materie (editoria, linguistica, cinematografia) sono parte integrante dei nostri corsi on line.

Battuta
È lo spazio occupato da un singolo carattere. Sono da considerarsi battute (vedi anche la voce cartella) anche i segni di interpunzione e gli spazi

Blog
Contrazione di weblog; sito internet nel quale l’autore propone un argomento di discussione e gli utenti possono intervenire per manifestare il proprio pensiero

Carattere
Segno stampato secondo precise ed univoche caratteristiche formali, stilistiche e storiche.In accezione comune, il carattere è la rappresentazione grafica delle lettere di un alfabeto, segno di una scrittura

Cartella
La cartella è una pagina ideale di un documento word, composta da 30 righe, ciascuna delle quali con 60 battute, spazi inclusi. In pratica, la cartella è un intervallo di testo limitato a 1800 battute spazi inclusi. La cartella può essere considerata una sorta di unità di misura: ogniqualvolta si richieda il rispetto di una determinata lunghezza di testo (ad esempio nei premi letterari o nei concorsi) o si debba quantificare la lunghezza del testo al fine di determinare il costo di un lavoro (editing, correzione bozze ecc…), si adotta la cartella come parametro della misurazione

Collana
La collana è una serie di opere, pubblicate dalla medesima casa editrice ad intervalli generalmente regolari, accomunate da alcuni tratti (stessa veste tipografica, un’unica linea guida o un pensiero trasversale ecc…) che rendono la collana distinguibile. Dal punto di vista commerciale la collana è importante perché stabilisce un contatto con il lettore: è una sorta di “promessa”, per cui il potenziale cliente sa già, a grandi linee, cosa lo aspetta acquistando un volume appartenente ad una determinata collana.
Dell’esistenza delle collane deve tener conto anche l’aspirante scrittore: è solamente dispendioso e infruttuoso inviare manoscritti a case editrici che non abbiano collane all’interno delle quali il testo possa essere inserito; è bene indagare sempre l’eventuale sintonia tra la propria opera e le collane (e, quindi, anche la linea editoriale) di una certa casa editrice

Copia
La copia è il singolo esemplare di un’opera stampata. Il termine viene usato principalmente in ambito commerciale (copie vendute, copie in resa, copia omaggio, tiratura di un certo numero di copie ecc…)

Copyright
Forma anglosassone del diritto d'autore, può considerarsi sinonimo.
Il diritto d'autore è la posizione giuridica soggettiva dell'autore di un'opera dell'ingegno cui i diversi ordinamenti nazionali e diverse convenzioni internazionali, quale la Convenzione di Berna, riconoscono la facoltà originaria esclusiva di diffusione e sfruttamento della stessa, ed in ogni caso il diritto ad essere indicato come tale anche quando abbia alienato le facoltà di sfruttamento economico.
Il diritto d'autore italiano è quella branca dell'ordinamento italiano che disciplina l'attribuzione a colui che abbia realizzato un'opera dell'ingegno a carattere creativo di un insieme di facoltà, dirette soprattutto a riservare all'autore qualsiasi attività di utilizzazione economica dell'opera. Esso è disciplinato dalla legge 22 aprile 1941, n. 633 e successive modificazioni.
Gli artt. 1-5 forniscono gli elementi per individuare le opere protette dal diritto d'autore.
Nella tutela rientrano tutte le opere dell'ingegno aventi carattere creativo, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione. Sono protette dal diritto d’autore le opere riconducibili:
- alla letteratura
- alla musica
- alle arti figurative
- all'architettura
- al teatro
- alla cinematografia
- al disegno industriale che presenti valore artistico e carattere creativo.
Sono protette anche le “elaborazioni di carattere creativo”, quali, ad esempio le traduzioni, le trasformazioni da una forma artistica in un'altra, gli adattamenti, le riduzioni ecc.
Il diritto nasce al momento della creazione dell'opera e quindi non c’è obbligo di deposito, di registrazione o di pubblicazione dell'opera.
L'autore ha la facoltà di sfruttare la propria opera in ogni forma e modo.
Il diritto d'autore riconosce al creatore di un'opera le facoltà di impedire ai terzi di sfruttare economicamente la propria opera, quindi di:
- pubblicarla
- riprodurla
- trascriverla
- eseguirla, rappresentarla o recitarla in pubblico
- comunicarla al pubblico, ovvero diffonderla tramite mezzi di diffusione a distanza
- distribuirla- tradurla e/o elaborarla
- venderla
- noleggiarla e darla in prestitoDiritto morale: ciò che è stato creato da un autore deve essere riferito all’autore stesso
Diritto economico: l’autore ha facoltà di sfruttamento economico della creazione; i diritti di utilizzazione economica dell'opera durano tutta la vita dell'autore e sino al termine del settantesimo anno solare dopo la sua morte

Copywriter
Il copywriter – o semplicemente copy – è l’autore del testo di una campagna pubblicitaria. In senso più ampio, può considerarsi copywritng la redazione di un qualunque testo che abbia attinenza con la commercializzazione di un bene, dall’headline alle didascalie di un catalogo, dal nome di un singolo prodotto a quello di una intera collezione

Corpo
È detto corpo lo spessore del fusto di un carattere.

Correzione di bozze
Revisione di un testo al fine di verificare la presenza di errori e refusi. La correzione bozze, oltre a identificare le sviste si preoccupa anche di accertare che il testo sia omogeneo rispetto alle norme redazionali

Editare
Formula desueta per stampare, pubblicare

Editing
Complessa ed articolata revisione di un testo. A differenza della correzione delle bozze, con un’operazione di editing non ci si limita a individuare refusi: l’intervento riguarda anche lo stile (al fine di correggere eventuali cadute o impennate), il linguaggio (per emendare da eventuali regionalismi, termini gergali ecc…), la costruzione logica. Scopo dell’editing è ottenere un testo che abbia struttura solida, lingua corretta, stile definito, capacità di catturare e mantenere l’attenzione del lettore, assenza di errori, armonia e fluidità

Edizione
Somma delle copie di un libro pubblicate in un unico momento, senza alcuna difformità le une dalle altre. Variazioni e aggiornamenti possono caratterizzare edizioni successive

Font
Insieme di caratteri tipografici legati da un determinato stile grafico. Un font raggruppa un vario numero di singoli simboli, i glifi, quali lettere, numeri e segni di interpunzione.
All’interno di un font possono trovare posto anche ideogrammi, caratteri matematici, note musicali, segni geografici, icone, disegni ecc.
In senso lato, il design del font può considerarsi come un progetto all’interno del quale è possibile generare un nuovo carattere (ad esempio, l’introduzione dell’euro ha richiesto la creazione del carattere €, diverso per ogni font)

Gabbia
Spazio determinato in fase di composizione che defiisce i margini della scrittura demarcando l’ingombro del testo all’interno della pagina

Ghost Writer
Letteralmente, scrittore fantasma; colui che redige testi e li vende a chi poi li pubblicherà con la propria firma

GlifoIl
singolo simbolo appartenente a un determinato font

Grafica
In editoria la grafica è la tecnica dell’impostazione tipografica. Nell’accezione più ampia, sono parte della grafica tutte le scelte che riguardano l’immagine del libro: copertina, scelta del font e del corpo, impaginazione. Anche la grafica è soggetta alle norme redazionali. Il risultato delle operazioni di grafica è la veste tipografica, o editoriale

Headline
In una campagna pubblicitaria l’headline può essere considerato una specie di titolo; è un brevissimo testo, anche una sola parola, che riassume il senso del messaggio pubblicitario e, come uno slogan, attira l’attenzione del lettore per farlo soffermare sulla pagina.

House Organ
Giornale, rivista o notiziario edito da un'azienda privata, da un ente o da un'istituzione; può essere rivolto ai propri dipendenti o a lettori esterni.

Html
Hyper Text Markup Language. È il linguaggio di programmazione universale per la realizzazione di ipertesti di pagine web.

Interlinea
Spazio compreso tra due linee di testo. In un documento word si distingue generalmente in singola, 1,5 righe, doppia, minima, esatta e multipla.

Ipertesto
Documento che include collegamenti ad altri testi, consentendo così percorsi di lettura differenziati. Il movimento all’interno dell’ipertesto, da un documento ad un altro, senza soluzione di continuità, è reso possibile dai link

ISBN
International Standard Book Number; codice internazionale che identifica in modo univoco un libro. È composto di 13 cifre: la I parte rappresenta il mondo del libro nel sistema GS1 (standard di identificazione globale, inequivocabile, per prodotti, beni, servizi e luoghi; disciplina l’assegnazione dei prefissi), la II parte è l’identificativo dell’area linguistica dell’editore; la III parte identifica l’editore; la IV parte l’identificativo del titolo; la V parte è un numero di controllo che garantisce da eventuali errori.
A partire da un codice ISBN si può generare il codice a barre a esso collegato. Viene attribuito come il codice ISBN e utilizzato per la lettura ottica.

codice isbn

 

Linea editoriale
È una sorta di linea comportamentale di una casa editrice: basata su parametri quali l’ideologia, il messaggio che si vuol promuovere, l’immagine ecc… Essa determina tutte le decisioni editoriali, dalla scelta dei testi da pubblicare al veicolo di promozione, dalle norme redazionali alla grafica

Link
Il link – letteralmente anello – è un collegamento da un'area di un documento ad un’altra area o ad un documento diverso; particolarmente usato nelle pagine web o nelle relazioni ipertestuali

Menabò
Assemblaggio dei testi e delle illustrazioni di un libro, o di qualunque altra pubblicazione: ha funzione di controllo e guida per l’impaginazione

Monografia
Pubblicazione di tipo non periodico, o comunque da divulgare entro un periodo definito e destinato ad esaurirsi; tratta in modo sistematico ed esaustivo un determinato argomento

Norme redazionali
Insieme di regole che disciplinano le scelte grafiche e tipografiche: dalla gabbia ai diversi font, dalle abbreviazioni all’uso delle virgolette, dalle note ai segni di interpunzione, tutto quanto compare in un libro, il modo in cui si imposta la scrittura e l’immagine che ne deriva, è soggetto alle norme redazionali. Seguirle scrupolosamente garantisce uniformità ed omogeneità, mettendo al riparo da errori di interpretazioni e favorendo la riconoscibilità della casa editrice

Plagio
È l’appropriazione indebita di un’opera d’ingegno altrui, al fine di millantarne la paternità, sfruttando così i vantaggi e i diritti del copyright

Pseudonimo
Nome inventato di un autore che vuol rimanere anonimo.

Quarta di copertina
Ultima pagina di un libro, il retro. Ai fini commerciali riveste particolare importanza in quanto rappresenta, insieme alla copertina, il primo contatto tra libro e potenziale acquirente.
Quarta classica: contiene una breve presentazione dell’opera, una sintetica biografia dell’autore e una nota bibliografica. Citazione: si citano una o più parti del testo, selezionate in modo da proporre concetti esemplari. Quarta autorevole: espone un commento di un personaggio autorevole al fine di sfruttarne la notorietà e conferire credito al libro. Quarta mista: contiene alcune o tutte le opzioni citate sopra.
Qualunque sia la formula adottata, la quarta di copertina deve catturare l’attenzione del lettore, fornire poche ma decisive notizie, incuriosirlo, decantare le qualità dell’opera. E tutto questo evitando toni sensazionalistici e, soprattutto, senza mentire

Redattore
È il responsabile che cura, segue e coordina le varie fasi necessarie alla pubblicazione del libro

Redazione
1) Stesura di un testo, scrittura, compilazione
2) Attività del redattore
3) Insieme dei redattori di una casa editrice, di una testata giornalistica ecc.
4) Il luogo, l’ufficio, in cui i redattori lavorano

Refuso
Errore di stampa o di battitura. Eliminare i refusi è l’obiettivo della correzione bozze

Registro
In linguistica si chiamano registri quelle varietà della lingua tra le quali è possibile effettuare una scelta, in base alla situazione in cui avviene la comunicazione. La successione dei registri, procedendo dall’alto verso il basso: aulico, colto, formale, medio, colloquiale, informale, popolare.

Resa
È la quantità di copie invendute restituite all'editore. Il mercato editoriale vive di norme che lo distinguono da quelli di altre categorie merceologiche: mentre altri beni vengono venduti dal produttore a un dato prezzo e il rivenditore finale li mette in commercio con un’opportuna percentuale di rialzo, il libro ha un prezzo imposto dal produttore il quale applica uno sconto al libraio; inoltre, vige il diritto di resa: il libraio, intercorso un determinato periodo, restituisce alla casa editrice i libri invenduti, la resa, e riprende la somma che aveva preventivamente pagato

Richiamo
In margine del testo si annotano segni particolari, i richiami, che spiegano il tipo di errore rilevato e la forma corretta che dovrà sostituire quella inesatta

Riscontro
Una volta operata la correzione bozze, il testo torna al redattore che dovrà apportare le necessarie modifiche; il riscontro è il controllo delle correzioni apportate sulla bozza di stampa

Ristampa
Nel momento in cui ogni copia stampata è stata venduta e qualora la richiesta di mercato ne giustifichi la spesa, si procede alla ristampa, cioè ad una tiratura supplementare rispetto al numero di copie preventivate

Sceneggiatura
In senso lato una sceneggiatura è una storia per il cinema, un testo concepito per essere rappresentato attraverso un film. In accezione più tecnica la sceneggiatura è una sorta di canovaccio, una guida (più o meno rigorosa e particolareggiata, sceneggiatura all’americana, all’italiana ecc…) cui attenersi durante la costruzione del film

Scheda di valutazione
La scheda di valutazione è uno strumento prezioso che può essere utilizzato, in modi e per scopi differenti, dallo scrittore, dall’agenzia letteraria e dalla casa editrice.
È importante sapere con esattezza cos’è una scheda di valutazione, per capire come i tre destinatari citati se ne possano servire.
Sostanzialmente, si comincia con un’attenta lettura, una indagine che tenga conto di tutti gli aspetti di un testo: stile, struttura, sintassi, trama, ambientazione, personaggi ecc… A questi si deve aggiungere lo studio di aspetti “esterni” all’opera, quali eventuali riferimenti o agganci all’attualità, consonanza con il mercato ecc…
Alla lettura segue la scheda, lo strumento vero e proprio, che, vedremo ora, può essere utilizzato a più livelli.
La scheda altro non è che l’analisi, punto per punto, di tutti gli aspetti, strutturali o esterni, del testo. Per ogni voce – dallo stile ai personaggi, dalla trama alle mode del momento – si redige una breve relazione, riportando le impressioni e i consigli del lettore.
Qual è l’utilità di questo resoconto?
Per lo scrittore – specie l’esordiente – è evidente l’importanza di confrontarsi con un’analisi del genere: la scheda rivela le mancanze, i punti deboli del testo, gli aspetti che vanno corretti o curati con maggior attenzione e sottolinea altresì i punti di forza, le qualità che vanno esaltate. Grazie ai suggerimenti del lettore lo scrittore può tornare a lavorare sul testo, per migliorarlo, e può intraprendere nuovi progetti, facendo tesoro di quanto è stato notato.Oltre all’aspetto letterario dell’opera – quello che tiene conto del valore oggettivo – c’è poi quello che abbiamo definito “esterno”: il fattore commerciale non tiene solo conto del valore intrinseco del testo ma deve misurarsi con il mercato, la moda, il sentimento comune del momento, l’attualità. In breve, la “vendibilità” di un libro non dipende solo dalla sua bellezza ma anche dalla sua sintonia con l’andamento del mercato.
A questo livello è evidente l’utilità di una scheda di valutazione per l’agenzia letteraria e per la casa editrice.
L’agenzia letteraria ne trae informazioni per stabilire se il testo può essere proposto, e, soprattutto, a chi presentarlo, quale azienda ha una linea editoriale in armonia con quell’ opera o una collana adatta a racchiuderla.
La casa editrice sfrutta la scheda di valutazione per decidere se pubblicarlo, per valutare, oltre alla bellezza oggettiva, l’eventuale sfruttamento commerciale.

Sintassi
La sintassi è una delle branche principali della linguistica, quella che si occupa delle relazioni tra le parole – e la loro funzione - nel momento in cui esse si combinano a formare le proposizioni, e queste a formare i periodi.

Soggetto
Insieme di termini, concetti e relazioni che indicano il contenuto di un’opera

Spazio
Intervallo bianco, all’interno del testo, che separa due parole, o un segno di interpunzione e la parola successiva

Stile
Lo stile è l’insieme di tratti formali che qualificano il modo di scrivere di un autore

Testo
Una definizione esaustiva di testo richiede il richiamo a molte branche della linguistica e può risultare complessa e fuori luogo in questa sede. Ci limitiamo quindi ad una designazione di carattere generale, valida ogniqualvolta il termine testo compare nel sito che state visitando, secondo la quale per testo si intende un enunciato scritto autonomo ed autosufficiente.
Ricordiamo che le caratteristiche principali – autonomia e autosufficienza – non hanno valore assoluto ma sono relative all’occasione in cui si scrive, per cui si considera testo un romanzo, un periodo, una frase ma anche una sola parola, come nel caso della headline

Tiratura
Numero di copie di un libro stampate e distribuite.

Veste tipografica
Anche veste editoriale. È il risultato di tutti gli accorgimenti di tipo grafico che si adottano nella realizzazione di un libro, in sostanza è l’immagine, l’aspetto definitivo